Redazione Vital Donna| Mail: staff@vitaldonna.com



Via libera ai gelati nella dieta.

 

donna con gelato

L'attenzione al proprio aspetto si concilia bene con il dolce tipico del periodo più caldo dell'anno: ecco quali gelati puoi mangiare senza controindicazioni

Via libera al gelato...

Le calorie di un gelato equivalgono più o meno a quelle di uno spuntino, quindi non c'è nessun problema a concedersi questa golosità, a patto, appunto, di sostituirlo, e non aggiungerlo al break di metà mattina o pomeriggio. Ancora meglio se vogliamo sostituirlo al pranzo: è difficile raggiungere le calorie di un pasto con un gelato . Impariamo però a sceglierlo, perché alcuni gusti danno un vantaggio in più e altri hanno invece troppe calorie.

Più è cremoso meno grassi contiene

Quando entri in una gelateria, cerca il cartellino che riassume la lista degli ingredienti e dai la preferenza ai prodotti senza conservanti né grassi vegetali, meglio se preparati con latte fresco piuttosto che in polvere e con l'aggiunta di addensanti naturali come la farina di semi di carrube.

Se mangiandolo lo trovi particolarmente cremoso, cioè senza grumi di ghiaccio troppo grossi, vuol dire che il gelato è di buona qualità. Al contrario, se in bocca non si scioglie in fretta (specialmente quando fa molto caldo) è probabile che contenga grassi vegetali idrogenati.

Quello davvero light

Secondo il codice di autodisciplina per i produttori di gelato , il sorbetto alla frutta è un termine che può essere usato solo quando il gelato è ottenuto senza aggiunta di grassi e con almeno il 25% di frutta. Altrimenti, la dicitura corretta è gelato alla frutta, che deve comunque contenere una percentuale di polpa o succo di frutto non inferiore al 15%. Per quanto riguarda il gelato industriale, quello al latte magro si può chiamare così solo se ha un contenuto di grassi che non supera l'1,5%.

Allo yogurt - Con lo yogurt

Pensi che il gelato allo yogurt sia più "sano e magro" rispetto quello alla crema? Dipende: infatti si può chiamare così solo quello che contiene almeno il 40% di yogurt, altrimenti si tratta di " gelato con yogurt", che deve averne come minimo il 20%.  Negli ultimi anni si è andando sempre più diffondendo lo yogurt gelato , una miscela a base di yogurt che viene trasformata in gelato in una macchina simile a quella che produce il gelato soft.

I semifreddi

Cosa dire dei semifreddi , particolarmente morbidi e cremosi? Meglio evitarli: si chiamano così perché il palato li percepisce meno freddi, ma per far sì che abbiano questa caratteristica di solito contengono una media del 10-20% in più di grassi, dovuti alla presenza di panna tra gli ingredienti.

Per fare un pieno di antiossidanti scegli il gusto caffè o cioccolato

Un gruppo di ricercatori italiani ha confrontato il cono industriale, il gelato con biscotto, quello su stecco ricoperto di cioccolato, e vari tipi di coppette, scoprendo che i gelati al caffè e al cioccolato hanno maggiori proprietà antiossidanti per via dei polifenoli contenuti nelle piante del cacao e del caffè che, al pari di alcune vitamine, agiscono come antiossidanti.

Vale quindi la pena di optare, tra tutti i gusti, per quello al caffè o al cioccolato: sia perché sono gratificanti per il palato, sia perché proprio questi due gusti combattono i danni che i radicali liberi causano alle cellule deteriorandole e facendole invecchiare.

 

Site Sponsors




Iscriviti alle NewsLetter !

Inserisci il Tuo nome e la Tua email

Digital Newsletter

Per iscriversi click here ».