Redazione Vital Donna| Mail: staff@vitaldonna.com



L'agopuntura contro il mal di collo.

 

agopuntura

Se avvertite un dolore localizzato alla nuca e al collo accompagnato da rigidità e limitazione dei movimenti del collo, si tratta di Cervicalgia. Questo disturbo può essere acuto e transitorio, nel caso in cui sussista per un tempo prolungato o si ripeta di frequente, è opportuna un'accurata indagine diagnostica e la prescrizione della terapia.
La Cervicalgia colpisce tutte le fasce d'età e la sua incidenza è aumentata negli ultimi anni a causa del moderno stile di vita.
Se ne possono distinguere tre forme: la Cervicalgia vera e propria quando il dolore colpisce soprattutto la regione cervicale irradiandosi, attraverso i muscoli trapezi, alle spalle; la Sindrome Cervico-Cefa lica con Cefalea, vertigini, disturbi della vista e dell'udito, disturbi della deglutizione; la Sindrome Cervico-Brachiale con dolore alla nuca e al braccio, a volte anche alla mano.

Cause e fattori scatenanti
Il collo è una struttura molto delicata e mobile; esso svolge l'importante compito di sostenere la testa che è pesante e anche molto vulnerabile in quanto più facilmente sottoposta ad eventi traumatici.
Le cause di questa patologia sono molteplici, alcune delle quali molto banali, come per esempio andare in moto poco protetti dall'aria, sostare in ambienti con aria condizionata, avere abitudini sedentarie o, al contrario, praticare sport in modo esagerato con il conseguente rischio di traumi o micro traumi ripetuti. In particolare la vita sedentaria, con conseguente flaccidità e ipotonia muscolare, rende il collo più vulnerabile o, al contrario, determina nel corpo squilibri dovuti a posture scorrette assunte durante lo studio o l'attività lavorativa, come per esempio stare per molto tempo davanti al computer.
Un'altra causa molto frequente è legata ad una posizione scorretta durante il sonno. Rilevanti sono anche lo stress, il senso di responsabilità, l'ansia o la depressione che provocano tensione muscolare oltre ad una postura scorretta.

Come evolve se non trattata
Molte delle cause viste in precedenza possono provocare alterazioni a tutte le strutture muscolo-scheletriche che compongono la regione cervicale. Nella maggior parte dei casi, specialmente nella fase iniziale, l'alterazione non è grave e consiste in una contrattura muscolare. Con l'andare del tempo questa contrattura, oppure traumi come il colpo di frusta, possono determinare lesioni sia al disco intervertebrale sia alle articolazioni tra le vertebre e possono predisporre
alla formazione di una patologia molto comune che è la Cervicoartrosi; quest'ultima è caratterizzata dalla disidratazione e dalla perdita di elasticità del nucleo polposo dei dischi intervertebrali con conseguente rischio d'erniazione, nonché formazione di “osteofiti” ovvero deposizioni di sali di calcio a livello dei margini dei corpi vertebrali.

La diagnosi
È abbastanza semplice ed è formulata da parte del Medico attraverso un'anamnesi accurata. In alcuni casi possono essere opportune indagini diagnostiche più specifiche come la Radiografia standard, che rivela eventuali modifiche delle vertebre, la TAC o ancora meglio la Risonanza Magnetica che mostra, oltre le strutture ossee, anche i tessuti, i muscoli e i legamenti. In alcuni casi di dolore che si estende dal collo fino alla mano può essere determinante, per la diagnosi, l'elettromiografia.

Come si cura
Nelle forme acute è raccomandato il riposo, mentre per le forme post traumatiche è consigliato il collare. In entrambi i casi vanno disciplinate l'attività sportiva e quella lavorativa.
Nella cura della Cervicalgia possono essere utili la Chinesiterapia, la TENS, la Massoterapia e le Manipolazioni eseguite da Operatori molto esperti; la Laserterapia e gli Ultrasuoni hanno invece dubbia utilità.
In ultimo si può ricorrere, per brevi periodi, a causa degli effetti collaterali, all'uso di farmaci antinfiammatori e miorilassanti; questi però non portano alla risoluzione del problema che, infatti, si ripresenta ciclicamente.

L'Agopuntura
Il trattamento con Agopuntura può risultare opportuno: diversi lavori internazionali attestano la sua efficacia nelle patologie dolorose, specialmente dell'apparato muscoloscheletrico, attraverso il suo effetto miorilassante, antidolorifico e antinfiammatorio.
Il Medico Agopuntore, preso atto della patologia, visti gli esami diagnostici, e dopo un'attenta anamnesi, deve impostare la propria diagnosi in base alle caratteristiche della sintomatologia clinica e in base ai canoni della Medicina Tradizionale Cinese.
Secondo la Medicina Cinese il dolore localizzato alla regione cervicale è dovuto al fatto che in alcuni Meridiani (canali energetici), localizzati in questa regione, la circolazione “energetica” è ostacolata, per cui ne consegue un'ostruzione o stasi circolatoria.
Le cause di questa ostruzione sono molteplici e si distinguono in cause esterne o interne. Le cause esterne sono rappresentate dall'esposizione ai fattori climatici come il vento, il freddo o l'umidità che colpiscono questa regione, da traumi o microtraumi ripetuti, dalla postura sbagliata oppure da pratiche sportive non appropriate. Le cause interne sono dovute a disfunzioni degli Organi interni o a problematiche legate alle “emozioni”, cioè a situazioni psicologiche come l'ansia, la tristezza o la depressione che provocano una disfunzione di alcuni Organi e un'ostruzione della circolazione “Energetica”.

I punti di Agopuntura
Al livello del collo passano diversi Meridiani e quindi il compito dell'Agopuntore è quello di individuare, in base alla zona colpita dal dolore, i Meridiani interessati dall'ostruzione e utilizzare i punti appropriati per ripristinare il libero fluire dell'energia bloccata. Poiché gli stessi Meridiani percorrono tutto il corpo, occorre usare punti distali agli arti per completare la disostruzione. Sul corpo vanno successivamente individuati punti specifici per contrastare i diversi fattori responsabili dell'ostruzione che provoca il dolore.
Vengono stimolati particolari punti per curare il dolore provocato dal vento, dal freddo, dall'umidità, o dalla causa traumatica. Altri punti sono specifici per correggere l'eventuale disfunzione di organi, e altri per dissipare l'ansia o alleviare le problematiche legate alla depressione.
L'ultimo concetto è dato dalla considerazione che tra le molte persone esposte a condizioni climatiche sfavorevoli (vento o umidità), a posture sbagliate o a microtraumi, solo alcune di esse soffrono di Cervicalgia. In queste ultime le difese organiche sono deficitarie e occorre quindi rafforzarle.
Il trattamento con Agopuntura ottiene risultati risolutivi nelle forme acute di Cervicalgia, quando sono interessate le strutture muscolari, accompagnate da spasmo muscolare e limitazione nei movimenti del collo.
Nelle forme che si protraggono da anni, i risultati sono ugualmente buoni; dopo un ciclo iniziale di sedute di terapia, occorre però fare dei piccoli richiami di poche sedute, una o due volte l'anno.

Site Sponsors




Iscriviti alle NewsLetter !

Inserisci il Tuo nome e la Tua email

Digital Newsletter

Per iscriversi click here ».